Maremma 2007

La Chiantigiana



Partenza Bologna stazione dei treni, direzione Firenze. Il treno con trasporto bici è alle 7.30 circa, siamo pronti e carichi in tutti sensi per questa nuova avventura.

Arrivati a Firenze la strada che dobbiamo percorrere è la Chiantigiana che ci porta fino a Siena.
La novità di quest'anno è l'uso di un navigatore satellitare che ci aiuta ad uscire dalle grosse città, in questo caso non siamo obbligati a portare con noi le varie piante della città.

Devo riconoscere che ci è stato molto utile come supporto alla cartina cartacea.

La Chiantigiana è una delle poche strade insieme alla via Cassia che fino a qualche anno fa metteva in comunicazione Firenze e Siena prima della costruzione del raccordo autostradale. Dopo appena una ventina di chilometri da Firenze incontriamo Greve in Chianti con la bellissima piazza incorniciata dai portici, tipica piazza da mercato.
Questa strada ci offre panorami di disarmante bellezza, con scorci di borghi, infatti salendo sulla collina incontriamo Panzano antico borgo con una chiesa immensa, scendendo si arriva ad un bivio, andando dritti la direzione è Castellina in Chianti mentre a sinistra si arriva a Radda in Chianti.

Noi proseguiamo dritti,la giornata è calda e facciamo una sosta nel borgo di Castellina che si trova a di 595 metri s.l.m. Il paese chiantigiamo è posto sul crinale di una collina che guarda con ampia vista la Valdelsa, ma che spazia ancora di più fino a fermare lo sguardo sulle colline metallifere che impediscono (soltanto loro) la visone del mar Tirreno. Castellina come tutti i borghi chiantigiani nasce come avamposto militare.

Lasciato il borgo proseguiamo sempre seguendo la chintigiana, passiamo per Quercegrosse ed eccoci alle porte della città di Siena.
Qui abbiamo alloggiato presso un B&B. La sera un giro per Siena e poi a letto ci aspetta una giornata dura.



<< back

Non si viaggia per viaggiare, ma per aver viaggiato.
Alphonse Karr