Francia

Tracce preistoriche Kermario



Siamo  pronti  per  questo nuovo tour,  la nostra meta è la città di Locmariaquer.
Il tempo promette una splendida giornata di sole, ma comunque dobbiamo indossare le nostre giacche tecniche.

Appena usciti dal campeggio  vediamo i primi agglomerati ci dirigiamo verso il  tumulo di Kerkado, situato a Sud degli allineamenti di Kermario, in una proprietà privata ma aperta al pubblico, è un tumulo sepolcrale tra i più antichi e meglio conservati di Carnac.

E’ circondato da una cerchia di piccoli menhir (ne rimangono 27 nella metà a Sud). Tra il cromlech e il tumulo corre un lastricato, oggi interrato per motivi si di conservazione.

Il dolmen a corridoio è posto sotto il suo cairn originale di forma circolare sormontato da un piccolo menhir, alto 2,2 m., raddrizzato dai restauratori all’inizio del XX secolo.

Il dolmen ha un ingresso ad imbuto che immette in un corridoio formato da 9 pietre di sostegno e 5 di copertura, la cui altezza aumenta progressivamente fino a raggiungere quella della camera sepolcrale. La camera sepolcrale è quadrangolare, delimitata da 8 pietre e un’unica grossa lastra di copertura.

Alcuni ortostati presentano delle incisioni geometriche e la grande pietra che forma la volta della camera presenta un’ascia doppia incisa. Da segnalare una lastra tagliata “a scudo”, in modo da darle l’aspetto stilizzato di una figura antropomorfa, identificata come la rappresentazione della Grande Dea Madre.

Lasciamo il  tumulo per imboccare la strada che ci porta al golfo di Morbihan, per la precisione facciamo una sosta a La Trinité-sur-Mer.

Arrriaviamo con la bassa marea,  il porto è incredibile mai viste tante barche a vela ed alcune sono incredibilmenti grandi.

Il porto è galleggiante, ovvero le banchine di quest'ultimo seguono l'andamento delle maree che hanno variazioni  di 3/4 metri .

Dopo una visita alla spiaggia, dove i pescatori a piedi armati di cestini, raccolgono conchiglie, gamberetti e altre ricchezze del mare, imbocchiamo  la strada che ci porta al ponte Kerisper e superato quest'ultimo imbocchiamo una ciclabile che ci porta vicino a Locmariaquer.

Piccola sosta per mangiare presso una Brasserie. La giornata è abbastanza calda.
Riprendiamo il viaggio e prima della cittadina troviamo Table des Marchends a Locmariaquer , dov'è possibile vedere il grande menhir spezzato, quando era eretto raggiungeva i 18,5 metri  di altezza!!  Si può visitare il dolmen della Tables des Marchand.

Riprendiamo a pedalare all'interno  della città dove si possono  vedere altri menhir.

Facciamo  una piccola pausa per decidere il percorso da seguire per il nostro rientro. Riprendiamo a ritroso la ciclabile seguendo però la direzione per Saint Philibert passando per la rue des Paludiers e costeggiamo il lato opposto  di fronte La Trinité-sur-Mer.
La strada ci permette di  rividere così il  golfo di Morbihan, con l'alta marea dall'altra parte della strada vediamo  delle case con giardini  stupendi.

Ritormiano  sul ponte e a ritroso la strada fatta la mattina fino al campeggio.

La giornata e ormai  conclusa dopo un pasto frugale riamniamo  fino a tardi a definire i  particolari del percorso del giorno  dopo.

Niccolò e Filippo sono  stati bravissimi.




<< back

Non si viaggia per viaggiare, ma per aver viaggiato.
Alphonse Karr