Francia

In bicicletta sull 'istmo Quiberon



La mattinata si presnta fredda e uggiosa, ma decidiamo di  muoverci ugualmente in bicicletta.

La prima destinazione sono  gli allineamenti di Le Menec: si innalzano 1099 pietre disposte in undici viali che si perdono all'orizzonte. I massi sono collocati anche secondo le dimensioni.
A partire dal cerchio, i più giganteschi sono alti 3,7 m ma diminuiscono in altezza fino a misurare, all'altra estremità dei viali, non più di 0,9 m.
Le file di pietre non sono diritte, ma seguono una lieve curva in direzione nordest e terminano presso un secondo cerchio a più di 0,8 km di distanza.

Il tempo non migliora anzi inizia a piovere forte. Ne approfittiamo per visitare le Musée de la Préhistoire de Carnac. Rimaniamo  colpiti dalla richezza di reperti  del periodo neolitico, infatti è considerato uno dei più completi in europa.

Usciti dal museo il cielo sembra aprirsi e decidiamo di proseguire la pedalata la penisola di Quiberon. 
Il primo tratto di strada in direzione di Plouharnel è molto trafficata, una volta superato  questo piccolo centro abbiamo imboccato una ciclabile che ci porterà fini all'istmo.

Nel frattempo lasciamo la ciclabile per dirigerci veso la spiaggia che si  affaccia nell' atlantico.

Il panorama è incredibile le dune sono ricoperte di vegetazione marina e dall'alto  di  queste  si apre un'immesa spiaggia flagellata da un vento  fortissimo, paradiso dei serfisti.

Ritorniamo, dopo una visita ai bunker, alla ciclabile, ormai è ora di pranzo e sulla strada troviamo una brasserie gestita da un italiano, con moglie inglese, non dineticheremo mai le buonissime crepes al caffe, cioccolato, sidro e limone.

Ci  consigliano  di proseguire fino all'istmo  dove possiamo vedere entrambe le spiaggie. Abbiamo pedalato sulla battigia, la marea è ancora bassa e sostiamo raccogliendo , come i locali, le meraviglie che il mare dona alla spiaggia con la bassa marea.

La sosta è così lunga che la marea ci sorprende e capiamo  che è ora di ritornare.
Seguiamo  la ciclabile fino al centro di Plouharnel  ritorniamo a Carnac e ci fermiamo presso una macellaria per acquistare la carne per la sera.

Ritorniamo  al campeggio  dopo una doccia e una pausa ci prepariamo una grigliata di carne  accompagnata da vino locale. Domani dobbiamo  caricare il furgone perchè ci spostiamo sempre in Bretagna .............. ci aspetta la foresta di Brocéliande.




<< back

Non si viaggia per viaggiare, ma per aver viaggiato.
Alphonse Karr